giovedì 8 marzo 2018

Nuova Immagine? l’idea innovativa è il relook-age




La tua immagine ogni mattina ti guarda dallo specchio: come ti vedi in questo periodo?
Dipende dalle giornate,da come sei scesa dal letto? Dal primo pensiero che si affaccia al mattino?

Lo specchio riflette il tuo aspetto.Questo è quello che ognuno crede.Ma la verità è un’altra.

Fra lo specchio e te c’è un altro schermo,un altro filtro invisibile composto da vari ’strati’.

In certi momenti di svolta nella nostra vita sentiamo l’esigenza di fare un check up alla nostra immagine,di rinnovarla aggiornando il nostro stile per presentarci agli altri in modo diverso, più professionale,meno tradizionale….

Per sviluppare tutto il tuo potenziale in campo personale e in quello professionale il cambiamento esterno deve andare di pari passo con un cambiamento del proprio specchio interno

CONSULENZA O COUNSELING IMMAGINE? ECCO LA DIFFERENZA

la consulenza d’immagine è come arredare una casa valutando spazi,personalità di chi abita,armonia dei colori…

Il counseling immagine è una ristrutturazione della propria immagine in un momento di svolta, di cambiamento per far emergere la propria creatività e il proprio stile

Facciamo qualche esempio
•vuoi darti una botta di entusiasmo dopo un periodo-no i famiglia,al lavoro,dopo una convalescenza
•vuoi lanciare il cuore oltre l’ostacolo e iniziare una attività come freelance o libera professionista
•hai superato la prima boa dei 40 anni o anche la seconda dei 50 e vuoi comunicare in modo nuovo chi sei

relook-age una strada a doppio senso

 dall’interno all’esterno
lavora sulla propria immagine interna,sulle convinzioni che bloccano,su schemi mentali
da cambiare o creare ex novo

dall’esterno all’interno
 creazione della mappa cromatica,scoperta del il proprio punto di equilibrio,
organizzazione della la propria palette colori per ogni occasione

Se vuoi che gli altri ti trovino ok tu per prima devi sentirti OK
la sinergia fra counseling immagine e look porta a benefici che durano nel tempo.

Infatti l’obiettivo è di sviluppare in ogni cliente la capacità di fare scelte in piena autonomia per presentarsi al meglio

Una immagine autentica di sé è un iniseme di elementi come
la personalità
lo stile e il look più adatto per esprimerla


 la propria immagine corporea (Body image)

Ecco 4 domande sulla tua immagine corporea
come immagini il tuo corpo?
come ti senti nei riguardi del tuo aspetto fisico?
quali sono i tuoi pensieri,cosa ti dici su questo argomento?
come pensi che gli altri vedano il tuo aspetto fisico?

IL MESSAGGIO A COLORI CHE MANDI AGLI ALTRI
La comunicazione è influenzata per circa il 70 % da elementi non verbali. Il colore è uno degli elementi.I colori che usi,come li accosti ,quali metti vicino al viso…mandano messaggi molto precisi ‘sono un tipo sofisticato’ oppure ‘ho le idee confuse’, ‘ non mi so valorizzare’, ’ sono espansiva’, ’sono introversa’, ’sono un decisionista’, ’sono poco affidabile’.

Ogni giorno il colore può diventare una carta da giocare a tuo favore

Per esempio:
Vuoi fare amicizia? socializzare? Usa nel tuo abbigliamento i colori chiari.Questi colori avvicinano.

Ogni persona ha la sua tavola cromatica i vari colori che la valorizzano nella scelta del look ma anche quelli che possono aiutarla a livello emotivo,mentale,in campo professionale….

RELOOK-AGE color : cosa è e a cosa serveil relook-age offre sinergie innovative fra psicologia, wellness e first impression management (come dare la giusta impressione) per trovare il proprio stile, valorizzare e comunicare la propria immagine in campo business e personale

2 proposte:

1 I TUOI COLORI

Test cromatico + color balance
I tuoi colori basic per creare armonia con la tua personalità
come usare la tua cromo palette in varie situazioni


2 SCOPRI IL TUO GUARDAROBA EMOTIVO
una idea innovativa per scoprire il tuo stile
L’armadio racconta la tua storia,i pensieri e gli stati d’animo
il tuo viaggio in cerca della risposta ‘chi sono?’

GLI STRUMENTI
consulenza in studio a Milano,telefonica o via skype
test specifici e fogli di lavoro personalizzati


percorsi individuali/piccolo gruppo
workshop e incontri per eventi,aggiornamento professionale….

Enclothed cognition:come ‘vesti’ i tuoi pensieri?


social media manager hanno creato la categoria degli influencer che fanno opinione e influiscono sulle scelte dei consumatori.
Alcuni dal nulla sono diventati famosi e spesso guadagnano fin troppo per far pubblicità a una cucina o a un orologio oppure hanno migliaia di like o follower per ragioni inspiegabili.
Ognuno ha il suo influencer
Un influencer ante litteram che da sempre vive nelle nostre case e ci accompagna in ogni occasione per 365 giorni è il nostro outfit

Scegliamo il nostro abbigliamento non solo dal nostro armadio reale ma anche da quello che abbiamo in testa.

le modalità di scelta sono due
1 apriamo l’armadio e,secondo il nostro carattere, o ci affidiamo al mantra ‘cosa mi metto/non ho niente da mettermi) oppure acchiappiamo dall’armadio qualcosa secondo il principio ‘basta coprirsi’

2 scegliamo l’outfit ,i colori,gli accessori secondo priorità tutte nostre: dalla situazione al mood che attraversiamo

Esperti e studi di psicologia hanno provato che c’è una innegabile connessione fra vedersi bene e sentirsi bene ( look/feel good connection).

CORPO, MENTE : il pensiero vestito (enclothed cognition)
I vestiti influenzano
1 il nostro modo di muoverci,di camminare.
Prova a pensare che movimenti diversi fai se porti un tacco 12 o un mocassino
un paio di jeans o una mise elegante
Indossare un dato vestito piuttosto che un altro, cambia la percezione che abbiamo di noi stessi.
2 i pensieri che girano nella nostra testa e l’idea che abbiamo di noi stessi
3 l’impressione che diamo agli altriProva a pensare a un colloquio di lavoro.Il dress code ha il suo peso se vuoi far centro.

Il detto l’abito fa il monaco è sempre valido. Giacca e cravatta danno l’impressione di serietà e professsionalità

C’è chi rompe le regole



Mi chiedo spesso se Zuckerberg fosse un perfetto Signor Nessuno che vi passa davanti e lo vedeste così cosa pensereste che faccia?



CHI È RICCO  NON HA BISOGNO DI ARRICCHIRE L’APPARENZA

Io considero il mondo per quello che è: un palcoscenico dove ognuno deve recitare la sua parte.
Ognuno ha il suo costume o adotta una divisa,entra nella parte.Una persona con una divisa, con un camice bianco..diventa autorevole,acquisisce potere.Se poi è competene o no..beh questa è un’altra storia
Quando andavo alle elementari era obbligatoria la divisa : grembiule bianco e fiocco rosa non solo per cancellare le differenze sociali ma principalmente per ‘essere nella parte’.Appena mia madre mi infilava il grembiule e mi annodava il maxi fiocco rosa diventavo una scolara modello.







il rapporto look good /feel good
Nella nostra attuale società l’apparenza del look è diventata sempre più un fattore cruciale per comunicare chi siamo o ,a livello professionale, il proprio personal brand e il grado di competenza e affidabilità
I nostri vestiti sono dei potenti influencer che possono modificare il nostro modo di comportarci,di comunicare e di percepire noi stessi.

Se indossiamo un outfit confortevole ci sentiamo semplicemente a nostro agio ma se un elemento di questo outfit è uno status symbol ( per esempio un accessorio) ecco che la percezione cambia.

Effetto Veblen


I consumatori sono attratti da un prodotto che ha un prezzo elevato quindi di prestigio.

esempio. un orologio Rolex, il Suv, la Ferrari, la borsa Louis Vuitton….
prezzo alto = simbolo di più elevato status sociale

E’ vero che la qualità è superiore e quindi si paga ma la sola qualità non giustifica il prezzo.
Per questi beni (borse,scarpe griffate da mila euro,cellulari che costano una fortuna…) la domanda cresce al crescere del prezzo.
Per un grande numero di beni, gli acquisti vengono fatti non per necessità ma in funzione dell’utilità sociale.

Alcuni beni valgono solo in base al prestigio conferito a chi li usa e li mostra. Servono per aumentare il livello di stima e di reputazione presso gli altri al di là di quanto si guadagna e si può spendere.

venerdì 10 novembre 2017

un paio di riflessioni sul tuo guardaroba emotivo


Ognuno ha le sue personali associazioni a proposito di vestiti,accessori..

Ogni outfit è come una canzone o la colonna sonora di un film.
Appena la sentiamo ecco che emergono nella nostra mente scene,voci,immagini...
Ogni capo che hai nell'armadio è intessuto della tua energia e colorato dalle tue emozioni.
Alcune persone hanno un preciso vestito o camicia portafortuna che mettono per scaramanzia ogni volta che vanno incontro a una sfida,un esame..

ecco qualche esempio
quando hai messo il primo paio di jeans come ti sentivi?
che canzone ti ricorda quel momento?

Quando sei già di corda (e non hai voglia di fare il Sherlock Holmes nel tuo armadio) che cosa ti metti?

Ogni armadio racconta non solo la propria biografia,chi siamo ma anche il nostro presente,il ciclo di vita che stiamo vivendo e con che atteggiamento lo facciamo.
Anche gli accessori che abbiamo comprato,che scegliamo ogni giorno parlano del nostro
'pensiero vestito' ,dell'equilibrio fra dovere e piacere.

Ogni armadio esprime attraverso i colori,i capi d'abbigliamento,le possibili combinazioni
il nostro percorso,la ricerca profonda del proprio femminile e l'equilibrio dinamico fra
dovere e piacere
ansia e fiducia in se stesse
spensieratezza e nostalgie

i criteri di scelta
Ci sono oltre 30 criteri che ognuno può applicare consciamente o meno nei riguardi di un capo d'abbigliamento o accessorio
per esempio :criterio temporale





lunedì 28 agosto 2017

Per una immagine eco-beauty





Una immagine positiva
per credere  nelle tue capacità
per avere successo  nella tua vita
per determinare la qualità dei tuoi rapporti con gli altri
per  reagire agli eventi e allo stress


I fattori di una immagine ok
Pensieri  positivi
Consapevolezza delle tue potenzialità
Fiducia nelle tue scelte
Aspettative di essere rispettata, ascoltata


Quello che pensi influenza
* il tuo umore
* il tuo ‘sentirti ok’
* i tuoi comportamenti

venerdì 21 luglio 2017

Prima impressione: che effetto fai agli altri?



Ti sei mai chiesta,dopo aver conosciuto una persona nuova, dopo un colloquio di lavoro o il primo incontro con un potenziale partner che impressione hai dato?E’ quella che tu volevi?Che impressione vuoi dare di te agli altri?Che immagine vuoi lanciare nel mondo ?

I 4 ingredienti  della prima impressione

1 la logica non c’entra
Il nostro cervello impiega pochi secondi per mettere l’etichetta su una persona nuova e decidere se è competente,affidabile,simpatica.. oppure il contrario.
Accade in campo professionale e privato in tutte le relazioni.
Il nostro cervello raccoglie rapidamente l’immagine come una Polaroid che si sviluppa all’istante,una fotografia da capo a piedi dell’altra persona,una istantanea che rimane impressa nella memoria:come si veste,come si presenta,come si muove e comunica.Questo primo giudizio non è affatto influenzato dalla logica. Se qualcuno all’inizio ‘sente’ a pelle che tu sei una persona con cui non vuole avere a che fare è difficile che si instauri un dialogo,un business o una relazione.


2 è una questione di percentuali
Il giudizio che gli altri danno di te non dipende inizialmente da quello che dici,dalle parole che usi. Prima che tu dica una parola l’altra persona ha già la sua impressione su di te e viceversa.

Più dell’80% della prima impressione dipende dalla immagine che proietti( il tuo stile,gli abiti che indossi,i colori che preferisci,la tua pettinatura…)e dal linguaggio non verbale che usi ( la tua postura,il tono di voce,i tuoi gesti,le espressioni del tuo viso…)

Quando dai una cattiva impressione quella rimarrà a lungo e non importa quello che farai per riaggiustare il tiro.Non è giusto..d’accordo..ma è un fatto.Certo la prima impressione può essere sbagliata e si può cambiare col tempo.Puoi,come tutti, prendere autentiche cantonate, supervalutare una persona che non se lo merita o evitare qualcuno che è davvero in gamba perché la prima opinione che ci facciamo dipende da aspetti emozionali.

3 i quattro filtri
Come si forma la prima impressione?In maniera subliminale.L’altra persona ti vede con i suoi occhi e ti giudica non solo se sei simpatica,competente,affidabile,sicura di te o no ma anche quanto lo seiPer farlo usa in maniera tutta personale 4 filtri:


1 la tua credibilità

La credibilità è un insieme di elementi diversi: onestà,intelligenza,sinceraaffidabilità, sicurezza di sé,competenza…

2 la tua simpatia
La simpatia è una questione di pelle,di capacità di mettere a suo agio l’altra persona e cosa potresti avere in comune con lei.Questa simpatia viene comunicata attraverso il tuo comportamento,i tuoi vestiti,la tua voce,l’età,l’esperienza,l’appartenenza o meno allo stesso genere o nazionalità…

3 il tuo fascino personale
Il fascino che eserciti sugli altri è una alchimia di come presenti te stessa a 360° ( il tuo corpo,le tue emozioni,i tuoi pensieri,la tua anima) e come traduci tutto questo nella tua immagine.Il tuo total look comunica direttamente quanto stimi te stessa,quanto ti rispetti e quanto sei sicura di chi sei e cosa sai fare.Vorrei fare due citazioni di una icona della bellezza:Audrey Hepburn:

Il sex appeal è qualcosa che ti senti dentro. Posso trasmetterlo in ugual misura quando sono completamente vestita, quando raccolgo mele da un albero o quando me ne sto ferma sotto la pioggia.

La mia vittoria più grande è stata quella di essere capace di convivere con me stessa, di accettare i miei difetti... Sono molto lontana dall'essere umano che vorrei essere. Ma ho deciso che non sono tanto male, dopo tutto


.4 la fiducia in te stessa
Tutto parte da te,da quanto conosci le tue doti,le tue qualità,le risorse che puoi mettere in campo nel mondo,da quanto dai spazio al tuo valore e quanto credi in te stessa.Se la fiducia è scarsa ti sottovaluti,hai paura a prendere l’iniziativa,a farti notare,a far rispettare il tuo spazio,le tue idee…Magari costruisci una immagine poco autentica per sentirti a tuo agio e gli altri lo captano

lunedì 13 marzo 2017

Come ti vedono gli altri?




Spesso ci accorgiamo che l’immagine che noi vorremmo dare e quella che vedono gli altri sono due cose diverse.
Che impressione fai agli altri?

I 4 basic
L’impressione che fai agli altri è come un puzzle che viene costruito dagli laltri rapidamente e inconsciamente con 4 pezzi basic

Quali sono questi magnifici 4?

 FASCINO PERSONALE
Quando si parla di fascino normalmente pensiamo a quanto attraente è il proprio corpo.
Non è importante il fatto di essere magre o no,giovani o –anta

La cosa importante è quanto sei capace di gestirti e presentarti per quella che sei
Un look giusto per te,e il senso del ‘cosa mettersi’ dicono molto della tua autostima,di quanto ti rispetti e quanta fiducia hai in te stessa.

CREDIBILITA’
La credibilità è un mosaico di intelligenza,attendiblità,competenza,
affidabilità,onestà,sincerità

GRADO DI PIACEVOLEZZA
La piacevolezza è un mix di quanto riesci ad essere o ad apparire accattivante,affabile,socievole ,espressiva e quanto riesci ad essere in tune,sulla stessa lunghezza d’onda con chi ti sta davanti.

Questo emerge dal modo in cui ti vesti,ti comporti,dal tono di voce che usi,dalla tua classe,dall’età….

FIDUCIA IN SE STESSE
la fiducia in se stesse viene dalla consapevolezza del proprio potere personale,dalla autorevolezza,dalle abilità che hai e da altri elementi


La tua immagine ADESSO riflette la persona che sei?
L’immagine non è qualcosa di definito,di statico.
Ogni fase che attraversi  la tua immagine cambia.


Sei interessata a valorizzare la tua immagine a 360°?
scrivimi   Vittoria : professional@counselingsolutions.it










martedì 25 ottobre 2016

Saranno di moda:Pantone primavera 2017


Per la primavera del prossimo anno Pantone propone due concept
vitalità,dinamismo ♦ relax e liaison con madre natura

Primrose Yellow
tonalità di giallo calda che evoca le giornate soleggiate,l'allegria,le primule nei campi
Insieme al rosso aranciato flame' spinge all'ottimismo,a credere nel futuro e a darsi una mossa
A completare il tris Pink Yarrow,un colore vivace simile al fucsia che non passa inosservato,da' la carica e fa cambiare mood quando sei giù di tono.Chi vuol farsi notare
amerà questo colore.

due parole sull'arancione
L'arancione stimola la fiducia in sé stessi ed è efficace in caso di depressione.
Se devi superare un periodo-no o una situazione traumatica( lutto,separazione...) o sei in un vicolo cieco e non sai come andare avanti l'arancione è il colore chiave.
E' un colore centrifugo,dinamico che si espande e si apre al mondo esterno

i verdi
Greenery
un abbraccio con la natura che ritempra e rilassa.Un giallo-verde che ricorda il fogliame,l'aria pulita

Kale
un verde oliva che simbolizza l'holos,il benessere,il vivere secondo natura.

E' simile al greenery ma ha un sottotono blu


due parole sul verde
Le parole-chiave del verde sono equilibrio, tranquillità, serenità. In tutte le tradizioni, il verde è il colore del risveglio alla vita, della natura,è simbolo di rinnovamento, di equilibrio, di speranza e di fertilità.E’ una energia di tipo “neutro”.Nello spettro luminoso il verde si colloca al centro tra i colori freddi e quelli caldi: è composto dalla creatività del colore giallo e dalla tranquilla energia del blu ,quindi rappresenta la sintesi fra il livello fisico,emotivo e razionale e svolge quindi una funzione di equilibrio.E’ il colore terapeutico per eccellenza. Infatti nelle sale operatorie il verde e’ usato proprio per le sue qualità rilassanti, la sua azione sul sistema nervoso e per gli occhi.
Indossare il verde è utile nei casi in cui ci troviamo costretti a vivere rapporti ambigui che ci rendono nervosi e irritabili. Ottimo per le persone iperattive. Porta stabilità ed equilibrio fisico, ottimo per la zona giorno della casa. .